Crowdfunding per il no profit

crowdfunding no profit

Il crowdfunding nasce per raccogliere fondi per cause no profit sociali o etiche e ancora oggi è uno strumento molto utilizzato nel terzo settore. Profit e No Profit, infatti, condividono molte strategie di marketing e di finanziamento che possono essere adattate a entrambi i mondi.

L’attivismo digitale è l’impegno a portare avanti cause sociali, etiche, ambientali utilizzando gli strumenti digitali, quindi principalmente sul web. La rete, infatti, è una cassa di risonanza preziosissima per queste attività e permette di raggiungere un pubblico molto più ampio rispetto all’azione “porta a porta” ed è in grado anche di vincere la diffidenza di non chi si fermerebbe mai ad ascoltare qualcuno per strada.

L’attivismo digitale, perciò, è un alleato imprescindibile per le operazioni sul campo di tutti i soggetti impegnati in cause di ogni genere. Non si può sostituire alle attività offline di sensibilizzazione e comunicazione, ma deve fare da amplificatore.

Il marketing, infatti, non riguarda solo le imprese che devono vendere qualcosa: è indispensabile anche per promuovere delle cause, trovare sostenitori e con essi fondi. Senza fondi è molto difficile raggiungere obiettivi concreti e far sentire la propria voce nei posti giusti. Le organizzazioni No Profit, quindi, possono e devono utilizzare gli stessi strumenti digitali e le stesse strategie di marketing sperimentati dalle imprese profit. Spesso all’interno di queste realtà mancano competenze digitali adeguate, per questo esistono consulenze specializzate in attivismo digitale, che creano infrastrutture per permettere alle organizzazioni no profit di comunicare e agire più efficacemente.

Viceversa, le imprese profit stanno scoprendo sempre di più le potenzialità di una modalità di raccolta fondi nata proprio in ambito no profit: il crowdfunding.

Punti che saranno toccati durante il webinar:

1. Cosa si intende per attivismo digitale

2. Chi è Futurevox e come aiuta le aziende no profit, i movimenti politici e le imprese etiche, a trovare sostenitori e fondi

3. L’importanza del marketing e della comunicazione nel mondo delle cause sociali, politiche e ambientali

4. Perché il crowdfunding è uno strumento valido anche per organizzazioni no profit, movimento politici e imprese etiche?

GLI ARGOMENTI DEL WEBINAR

0:00 Introduzione

5:00 L’importanza dei criteri ESG per le aziende

7:00 Come e chi assegna i criteri ESG?

11:40 Cos’è l’attivismo digitale e cosa fa?

14:20 Creazione di infrastrutture digitali per l’attivismo

17:30 Usare il digital marketing per le cause sociali

18:33 Chi ha bisogno di consulenza per l’attivismo digitale: grandi ONG, movimenti politici, business etici

21:00 Il tema del green washing

24:00 Cosa fa un consulente per l’attivismo digitale?

38:45 Il crowdfunding per la raccolta di capitale no profit

43:00 Meccanismi del no profit utili per il profit e viceversa

45:37 Da dove partire per raccogliere capitale per l’attivismo digitale

53:00 Consigli per fare attivismo digitale

RELATORI

Claudio Grimoldi, Founder di Turbo Crowd

Giovanni Chiarella, CEO e Founder di FutureVox

Una Storia di Crowdfunding

Il primo romanzo italiano che racconta la storia di una campagna di crowdfunding.

Turbo Crowd Academy

Videocorsi dedicati al mondo del Crowdfunding.

Crowdfounders Italia

Accedi al gruppo privato Facebook

Iscriviti alla Newsletter

Le ultime novità che riguardano il mondo del Crowdfunding

Acquista il Libro

Turbo Crowd racconta "Una Storia di Crowdfunding"

Articoli Correlati

Il mondo della tokenizzazione: regole e opportunità

Il 9 giugno 2023 è stato pubblicato in gazzetta il regolamento europeo MiCA sui criptoasset, che entrerà in vigore nel 2024 e segna un’importante evoluzione: dopo aver disciplinato le criptovalute, ora è il momento dei criptoasset e delle nuove opportunità che la tokenizzazione degli asset porta con sé.

Leggi di più