Piattaforme donation crowdfunding

piattaforme donation crowdfunding

Il donation crowdfunding è la forma più antica di crowdfunding sviluppatasi nella storia. A differenza delle altre tipologie di crowdfunding (lending, equity, reward), viene utilizzato principalmente da organizzazioni senza scopo di lucro per finanziare cause sociali o culturali e non prevede una ricompensa né monetaria né di altro tipo per i sostenitori. Il meccanismo è quello della colletta di beneficenza, che un tempo poteva avvenire porta a porta, nelle scuole o nelle sedi delle associazioni, mentre oggi si può fare online sulle piattaforme di donation crowdfunding.

Non è obbligatorio affidarsi a una piattaforma online per fare una raccolta di donation crowdfunding, ma è utile per avere maggiore visibilità e raggiungere più facilmente un vasto pubblico di potenziali donatori, oltre che per avere supporto nella gestione dei versamenti in denaro.

Come funziona una piattaforma di donation crowdfunding

Le piattaforme di donation crowdfunding possono essere generaliste o specializzate in settori specifici, per esempio solo progetti per le scuole, solo progetti di volontariato, solo progetti sportivi ecc.

Alcune di esse, inoltre, sono riservate ad associazioni e aziende, mentre altre permettono di raccogliere fondi anche a singoli individui per iniziative personali (personal fundraising), per esempio per sostenere spese mediche.

Come per le piattaforme di reward crowdfunding, anche per quelle di donation può esserci una selezione all’ingresso per verificare l’idoneità del progetto proposto, oppure percorsi di caricamento del progetto online in autonomia.  

Le piattaforme offrono una vetrina e si appoggiano ad agenti di pagamento per la gestione delle transazioni, talvolta trattenendo delle commissioni, altre volte invece offrendo un servizio gratuito. Oltre a questo, i promotori delle campagne possono usufruire di supporto tecnico e di consigli per la sponsorizzazione della campagna.

I donatori possono fare i versamenti con il metodo di pagamento preferito e ottengono una ricevuta che, in caso di donazioni a favore di Onlus, serve per beneficiare dei relativi sgravi fiscali.

Solitamente per il donation crowdfunding non è necessario impostare un obiettivo minimo e uno massimo: qualsiasi cifra raccolta entro la scadenza prefissata per la campagna verrà devoluta al soggetto promotore della stessa.

Quanto costa fare una campagna di donation crowdfunding

Le fondamentali informazioni sul costo del crowdfunding possono essere utili anche per la modalità donation. Anche per questa, infatti, chi lancia una campagna deve inevitabilmente sostenere dei costi.

Come anticipato, alcune piattaforme di donation crowdfunding consentono l’utilizzo a titolo gratuito e non applicano commissioni, ma anche in questo caso solitamente ci sono dei costi di transazione per l’elaborazione dei pagamenti: possono essere fissi oppure in percentuale sull’importo versato. 

Altre piattaforme, invece, applicano anche dei costi di commissione per il servizio offerto, che di solito vanno dal 3 al 5% sull’importo delle donazioni. In alcuni casi, posta una soglia minima, il soggetto promotore della campagna può decidere liberamente quale percentuale riconoscere alla piattaforma.

Oltre ai costi per la piattaforma, chi decide di lanciare una campagna di donation crowdfunding deve considerare anche un budget per la promozione, fondamentale per dare alla campagna la risonanza necessaria per fare una buona raccolta. Tale budget è estremamente variabile a seconda di diversi fattori:

  • soggetto promotore
  • obiettivo di raccolta
  • target
  • canali di comunicazione.

Più l’obiettivo di raccolta è alto e meno il soggetto promotore è già noto e con una propria community, più servirà budget. Questo dovrà essere destinato all’advertising online, alla produzione di materiale (cartaceo o digitale) ed eventualmente al compenso per le persone che si occupano di gestire la campagna, se sono grandi operazioni e non si basano sul volontariato.

Le migliori piattaforme di donation crowdfunding

Il report 2023 dell’Osservatorio Crowdinvesting del Politecnico di Milano ha dedicato un breve paragrafo anche al donation e reward crowdfunding (23 piattaforme nel complesso), evidenziando in particolare come in Italia la raccolta fondi in modalità donazione sia molto utilizzata e partecipata per grandi cause legate a calamità naturali o emergenze umanitarie.

Tra le piattaforme di donation crowdfunding, il report ha evidenziato quelle che hanno raccolto più risorse:

A queste si possono aggiungere altre realtà di rilievo:

  • GoFundMe (sia associazioni no profit, sia privati)
  • DeRev (persone giuridiche e fisiche, sia donation, sia reward)
  • IDEArium (per progetti legati alle scuole)
  • LoveItaly (per progetti legati ai beni culturali).

La scelta della piattaforma giusta dipende dai propri obiettivi, dal budget a disposizione e dal target che si intende raggiungere: non c’è una piattaforma di donation crowdfunding “migliore” in assoluto!

Con Turbo Crowd puoi scoprire tutte le altre modalità di crowdfunding a disposizione per raccogliere capitali e le strategie di marketing più efficaci per promuovere una campagna: approfondisci questi temi nel resto del blog e nel nostro gruppo Facebook.

Una Storia di Crowdfunding

Il primo romanzo italiano che racconta la storia di una campagna di crowdfunding.

Turbo Crowd Academy

Videocorsi dedicati al mondo del Crowdfunding.

Crowdfounders Italia

Accedi al gruppo privato Facebook

Iscriviti alla Newsletter

Le ultime novità che riguardano il mondo del Crowdfunding

Acquista il Libro

Turbo Crowd racconta "Una Storia di Crowdfunding"

Articoli Correlati