Differenza tra valore pre-money e valore post-money

valore pre-money e valore post-money

Uno dei concetti con cui gli aspiranti startupper devono fare i conti quando cercano capitali per il proprio business è quello di valutazione pre-money: ne abbiamo parlato nell’articolo dedicato, ma per avere un quadro completo dell’argomento bisogna comprendere la differenza tra valore pre-money e valore post-money di una società.

Valore pre-money: cos’è

Il valore pre-money è la fotografia dell’azienda in un dato momento nel tempo prima di un’iniezione di capitali. È un valore che prende in considerazione, quindi, il capitale sociale, i risultati raggiunti fino a quel momento, in termini non solo di clienti e fatturato, ma anche di composizione del team, di test di mercato, di punti di forza, di risorse acquisite, e le prospettive future (scalabilità del business, ampiezza del mercato ecc.). Per le startup, che spesso non hanno ancora uno storico di dati economici, la valutazione pre-money si basa soprattutto su dati qualitativi e su proiezioni finanziarie.

Definire il valore pre-money prima di un round di finanziamento è molto importante perché con quel valore si comunicano agli investitori le potenzialità dell’azienda e sulla base di esso si stabilisce il prezzo delle quote: il sovrapprezzo si calcola facendo il rapporto tra il capitale sociale dell’azienda e il suo valore pre-money. Più il divario è ampio, più l’azienda risulta promettente e quindi più sarà alto il sovrapprezzo che gli investitori dovranno pagare per acquistarne le quote. Nel caso di investitori istituzionali, il valore pre-money può essere oggetto di trattativa e arrivare a differire da quello stabilito inizialmente dalla società.

Fare un’accurata valutazione pre-money è determinante per l’azienda per trovare un equilibrio tra il riconoscimento del giusto valore, l’attrattività per gli investitori e una diluizione del capitale sociale non eccessiva.

Per gli investitori, a loro volta, conoscere il valore pre-money è fondamentale per sapere quanto vale la quota che stanno acquistando. Per saperlo con precisione, però, bisogna conoscere anche il valore post-money.

Vuoi approfondire direttamente con i nostri esperti di crowdfunding l’argomento di cui stai leggendo?

Turbo Crowd può rivelarti tutti i trucchi del mestiere del crowdfunding, illustrarti le opportunità di raccolta di capitali a tua disposizione e fornirti supporto pratico per realizzare una campagna di crowdfunding di successo.

Valore post-money: cos’è

La differenza tra valore pre-money e valore post-money è che quest’ultimo si ottiene dopo un round di finanziamento e indica perciò quanto vale l’azienda dopo un’iniezione di capitale, da qualsiasi fonte provenga.

Il calcolo del valore post-money è molto semplice: basta sommare il valore pre-money al capitale raccolto dagli investitori.

Sulla base di questo valore, è possibile calcolare la percentuale societaria che ogni investitore possiede. La quota societaria acquisita, infatti, corrisponde al valore nominale dell’investimento/il valore post-money. 

Facciamo un esempio pratico.

Valutazione pre-money: 1.000.000€

Aumento di capitale: 200.000€

Valutazione post-money: 1.200.000€

Investimento x (valore nominale): 12.000€

Quota dell’investitore x: 12.000€/1.200.000€ = 1%

In seguito all’aumento di capitale, l’investitore x possiede l’1% della società.

L’importanza della valutazione societaria per l’equity crowdfunding

Prima di fare una campagna di equity crowdfunding ogni società deve calcolare – o far calcolare a un consulente o a un’agenzia – la propria valutazione pre-money. Questo dato viene poi verificato dalla piattaforma di crowdfunding che ospiterà la campagna, per verificare l’attendibilità della proposta da offrire agli investitori.

Il valore pre-money, infatti, deve comparire pubblicamente sulla pagina della campagna, per dare modo ai potenziali investitori di fare una stima delle quote che si apprestano ad acquistare e delle opportunità di guadagno future.

Per trasformare i potenziali investitori in investitori, però, non basta avere una buona valutazione pre-money: l’investimento in equity crowdfunding è rischioso, non dà certezza di guadagno e la prospettiva di un ritorno sul capitale è comunque spostata molto in avanti nel tempo. Bisogna, perciò, offrire un ritorno immediato, che mitighi il rischio dell’investimento e aggiunga attrattiva alla partecipazione alla campagna: stiamo parlando dei reward.

I reward sono premi esclusivi riservati a chi investe nella campagna di equity crowdfunding, ideati per offrire qualcosa di unico e molto interessante per il target ideale della campagna, ovvero i clienti o potenziali tali dell’azienda. Questi ultimi sono i migliori potenziali investitori, perché hanno già un legame con l’azienda e il suo prodotto o servizio: è facile, quindi, offrire loro una motivazione all’investimento da affiancare al valore pre-money e al business plan dell’azienda. Tanto più che, per quanto i documenti e i dati tecnici siano importanti, la maggior parte degli investitori non professionisti (o non sofisticati) non ha le competenze per comprenderli a fondo e necessita di uno stimolo più concreto.

Per imparare tutta la teoria e la pratica necessarie per affrontare con consapevolezza una raccolta di capitali, entra nel gruppo Facebook di Turbo Crowd, dove ogni due settimane ospitiamo professionisti del settore.

Hai bisogno di supporto per preparare una campagna di crowdfunding di successo e cercare potenziali investitori per il tuo progetto?

Turbo Crowd può accompagnarti lungo tutto il processo, dall’organizzazione del precrowd fino alla chiusura della raccolta, sviluppando strategie di marketing efficaci e innovative per promuovere nel miglior modo possibile la tua campagna.

Una Storia di Crowdfunding

Il primo romanzo italiano che racconta la storia di una campagna di crowdfunding.

Turbo Crowd Academy

Videocorsi dedicati al mondo del Crowdfunding.

Crowdfounders Italia

Accedi al gruppo privato Facebook

Iscriviti alla Newsletter

Le ultime novità che riguardano il mondo del Crowdfunding

Acquista il Libro

Turbo Crowd racconta "Una Storia di Crowdfunding"

Articoli Correlati

Il mondo della tokenizzazione: regole e opportunità

Il 9 giugno 2023 è stato pubblicato in gazzetta il regolamento europeo MiCA sui criptoasset, che entrerà in vigore nel 2024 e segna un’importante evoluzione: dopo aver disciplinato le criptovalute, ora è il momento dei criptoasset e delle nuove opportunità che la tokenizzazione degli asset porta con sé.

Leggi di più