La valutazione pre-money per la tua campagna di crowdfunding (e non solo)

valutazione premoney

La valutazione pre-money è un’informazione estremamente significativa per una società che vuole raccogliere capitale. Uno degli ostacoli con cui l’equity crowdfunding si è dovuto scontrare dalla sua comparsa nel lontano 2013 a oggi, infatti, è la diffidenza degli investitori verso l’abbinata startup emergenti-transazioni online. Una diffidenza non ancora del tutto dissipata, ma mitigata dall’adozione di regole precise e stringenti e dalla disponibilità di informazioni trasparenti e obbligatorie sulle società che lanciano campagne di equity crowdfunding online. Tra queste informazioni, fondamentale è la valutazione pre-money.

Parliamo di un dato chiave: una stima accurata del valore di una società prima di un round di finanziamento è importantissima sia per la società stessa, sia per i potenziali investitori. È la base per costruire un rapporto di fiducia e per concludere scambi e accordi equi e proficui per entrambe le parti.

Per questo abbiamo deciso di approfondire il tema insieme a Equidam, tool per la valutazione di startup, che fornisce preziose indicazioni sui dati chiave per realizzare e motivare una affidabile valutazione pre-money.

Perché è importante la valutazione pre-money

La valutazione pre-money è una fotografia del punto di partenza in cui si trova una società prima di una raccolta di capitali: è un valore economico che rappresenta però non solo dati economici concreti, come il capitale sociale e i profitti (che per le startup spesso non esistono ancora), ma anche prospettive economiche future, risorse, punti di forza ecc. 

Il risultato è un indicatore dell’affidabilità e delle potenzialità della società, particolarmente importante nelle transazioni online, che richiedono ancora più trasparenza rispetto a quelle offline, perché la comunicazione è asincrona. Dalla valutazione pre-money, inoltre, dipende il prezzo di sottoscrizione a cui vengono offerte le quote della società in equity crowdfunding.

Presentare la propria offerta in modo chiaro e preciso ed essere in grado di giustificare in modo puntuale e trasparente la valutazione pre-money è cruciale per risultare convincenti e affidabili con gli investitori e non perdere nessuna opportunità. 

Da dove partire: dati comparabili

Un utile punto di partenza per la valutazione pre-money è il confronto con altre startup o società simili alla tua. Le piattaforme di crowdfunding sono un comodo database di valutazioni di aziende rese pubbliche. È un buon modo per prendere confidenza con questo processo e capire se le tue aspettative sono in linea con il mercato.

I dati utili arrivano da startup simili alla tua come livello di rischio e rendimento atteso, quindi i criteri di ricerca devono essere i seguenti: 

  • campagna recente, per garantire che le condizioni di mercato siano simili;
  • startup allo stesso stadio in termini di dipendenti, fase di sviluppo del prodotto, traction e forza del marchio.
  • startup con potenziale di crescita simile nel rispettivo mercato. 

Oltre ad andare direttamente sulle piattaforme, puoi anche consultare i principali database sulle startup, che aggregano già le informazioni che ti servono, per esempio Crunchbase o Dealroom. Per ottenere risultati davvero utili, è opportuno raccogliere una quantità di dati che non sia né troppo ristretta né troppo estesa, in modo da ottenere una media sensata ed escludere i dati non pertinenti e quelli eccezionali.

Ecco perché non è utile, invece, fare riferimento alle notizie sulle startup veicolate dalle testate giornalistiche, soprattutto quelle specializzate nel settore tech, perché le società che fanno notizia sono spesso al di sopra della media, perciò la loro valutazione può essere gonfiata. 

Questa parte del processo ti aiuterà a regolare le tue aspettative sulla valutazione e ti fornirà esempi e contesto per difenderla nei confronti degli investitori potenziali in seguito. 

Vuoi approfondire direttamente con i nostri esperti di crowdfunding l’argomento di cui stai leggendo?

Turbo Crowd può rivelarti tutti i trucchi del mestiere del crowdfunding, illustrarti le opportunità di raccolta di capitali a tua disposizione e fornirti supporto pratico per realizzare una campagna di crowdfunding di successo.

Come si calcola la valutazione pre-money

Calcolare la valutazione della società è un’esperienza formativa per i founder, perché obbliga a esaminare a fondo obiettivi, strategie, risorse, processi, team, proiezioni finanziarie, e a verificare la coerenza tra essi. 

Le proiezioni finanziarie per una startup nelle prime fasi di vita possono sembrare particolarmente impegnative e forse poco significative, ma è un esercizio utile per il futuro. Qui alcuni suggerimenti utili su come farlo. 

La maggior parte dei potenziali investitori di una campagna di equity crowdfunding sarà di tipo retail (o non professionale, o non sofisticato) e avrà quindi vari livelli di comprensione delle metriche di valutazione, ma tutti condividono con i professionisti l’obiettivo di concludere un buon affare. Per questo è necessario adottare un approccio duplice per riuscire a comunicare con tutti gli interlocutori: 

1) una metodologia robusta basata su rigorosi standard dell’industria di riferimento (non esiste un unico metodo di calcolo universale, bensì ce ne sono di diversi, da selezionare in base alla fase di vita della startup ed eventualmente da combinare tra di loro);

 2) un rapporto dettagliato e trasparente che specifichi le fonti e spieghi i calcoli che hanno portato ai dati.

Per capire quale metodo di calcolo è il più adatto alla propria startup e ridurre i tempi per la realizzazione della valutazione, è utile affidarsi a una consulenza professionale o utilizzare un tool apposito, soprattutto se il team interno non ha esperienza in merito. Se si sceglie un percorso di consulenza, è importante assicurarsi di avere a che fare con esperti di startup, perché valutare una startup è abbastanza diverso dal valutare un’azienda più tradizionale.

Raccogliere feedback sulla valutazione pre-money

Il primo parere utile sulla tua valutazione pre-money può essere quello della piattaforma di crowdfunding stessa. I loro interessi sono totalmente allineati con i tuoi, nel senso che vogliono chiudere con successo la campagna, con buoni risultati per entrambe le parti. Hanno visto tante società e tante valutazioni, quindi possono condividere il loro contributo ed eventualmente anche metterti in contatto con mentori ed esperti in materia di valutazione. Attenzione, però: bisogna essere consapevoli che alcune piattaforme potrebbero avere la tendenza ad abbassare leggermente la valutazione, per poter offrire rendimenti più solidi agli investitori.

Possono essere preziosi anche i feedback di amici, altri founder, esperti del settore. Tutti possono aiutarti a verificare le ipotesi incorporate nella tua valutazione e fare luce su aspetti che tu non avevi considerato. 

Infine, più delicato ma molto significativo può essere il feedback di investitori professionali o anche non professionali ma con una certa esperienza quotidiana negli investimenti. Sono persone che valutano le offerte regolarmente e hanno sempre un’idea di cosa sta succedendo sul mercato, del prezzo a cui vengono chiuse le trattative e delle opinioni e motivazioni lato acquirenti.

Rischi ed errori da evitare

La valutazione pre-money deve essere accurata perché sia una sovrastima sia una sottostima possono essere molto dannose per l’azienda come per gli investitori.

Potrebbe non essere immediatamente intuitivo, ma raccogliere capitale di crowdfunding a valutazioni irragionevolmente alte può creare enormi problemi per diverse ragioni. La principale di queste è che se sei costretto a passare a una valutazione più bassa nel successivo round di finanziamento, farai una cattiva impressione sugli investitori che ti hanno sostenuto, che potrebbero anche essere alcuni dei tuoi clienti più fedeli. Perderai credibilità e risulterai inaffidabile.

Ma lo stesso vale per una valutazione pre-money troppo bassa: oltre ad avere come effetto una simile perdita di credibilità e di reputazione, espone al rischio di diluizione eccessiva delle quote.

Per questo è importante dedicare il giusto tempo e le giuste risorse alla valutazione pre-money, chiedere il feedback della propria rete e imparare dall’esperienza di altre startup.

Hai bisogno di supporto per preparare una campagna di crowdfunding di successo e cercare potenziali investitori per il tuo progetto?

Turbo Crowd può accompagnarti lungo tutto il processo, dall’organizzazione del precrowd fino alla chiusura della raccolta, sviluppando strategie di marketing efficaci e innovative per promuovere nel miglior modo possibile la tua campagna.

Una Storia di Crowdfunding

Il primo romanzo italiano che racconta la storia di una campagna di crowdfunding.

Turbo Crowd Academy

Videocorsi dedicati al mondo del Crowdfunding.

Crowdfounders Italia

Accedi al gruppo privato Facebook

Iscriviti alla Newsletter

Le ultime novità che riguardano il mondo del Crowdfunding

Acquista il Libro

Turbo Crowd racconta "Una Storia di Crowdfunding"

Articoli Correlati

Il mondo della tokenizzazione: regole e opportunità

Il 9 giugno 2023 è stato pubblicato in gazzetta il regolamento europeo MiCA sui criptoasset, che entrerà in vigore nel 2024 e segna un’importante evoluzione: dopo aver disciplinato le criptovalute, ora è il momento dei criptoasset e delle nuove opportunità che la tokenizzazione degli asset porta con sé.

Leggi di più