Come “vendere” la tua campagna di crowdfunding

crowdfunding

Ci hai mai pensato? Una campagna di crowdfunding è a tutti gli effetti una campagna di marketing dove, invece che vendere prodotti o servizi, si vendono quote societarie. Fare crowdfunding significa quindi trovare persone interessate ad “acquistare” (metaforicamente) la tua azienda, ovvero a investire i propri soldi nella sua crescita e a diventare tuoi soci. In questo articolo vediamo insieme come “vendere” al meglio la tua campagna di crowdfunding, trasformando le persone interessate al tuo progetto in investitori.

Dove trovare investitori per la tua campagna

Se la tua azienda è già attiva, il primo luogo in cui cercare investitori è sicuramente la tua base di clienti. Chi già apprezza e conosce i tuoi prodotti/servizi, infatti, sarà sicuramente più propenso a investire su di te, soprattutto se la scelta di investire comporta una serie di bonus aggiuntivi, come degli sconti sull’acquisto dei tuoi prodotti/servizi o la possibilità di testare nuove features in anteprima. Si tratta dei cosiddetti reward, ovvero dei premi speciali che puoi offrire nell’ambito del crowdfunding, con l’obiettivo di rendere la prospettiva di investire nella tua azienda ancora più appetibile e accelerare il processo decisionale: l’ideale, infatti, sarebbe limitare i reward solo alla fase iniziale della campagna e riservarli a un numero ristretto di persone, così da incentivare i potenziali investitori a procedere nel più breve tempo possibile). Ad esempio, una società che vende SaaS potrebbe proporre ai propri investitori l’utilizzo gratuito del software per un determinato periodo, un’azienda che produce borse e accessori in pelle può offrire degli sconti sull’acquisto delle borse o inviare dei pezzi in omaggio, ecc.

E se la tua azienda è appena nata?

Quando non esistono ancora dei veri e propri clienti, bisogna rivolgersi a chi potrebbe avere interesse a diventarlo. In altre parole, è necessario parlare ai clienti potenziali, ovvero alle persone che hanno interessi, caratteristiche e abitudini compatibili con il prodotto/servizio che stai per lanciare (o hai appena lanciato) sul mercato.

Come trasformare i clienti (o potenziali tali) in investitori

Ora che sai dove cercare i tuoi potenziali investitori, non ti resta che capire come spingerli a investire. Dal momento che fare crowdfunding equivale a tutti gli effetti a vendere qualcosa (le quote), quello che bisogna fare è organizzare un processo di vendita strutturato ed efficace.

In che modo? La cosa migliore è utilizzare dei software di marketing automation o meglio ancora un sistema di CRM (Customer Relationship Management), che permetta di sviluppare e avviare campagne di email marketing, tracciare le attività di clienti attuali e potenziali e coinvolgere gradualmente le persone interessate, inserendole all’interno di un database organizzato. 

L’utilizzo della marketing automation ti permetterà di:

  • comunicare con il tuo pubblico di potenziali investitori in maniera più mirata ed efficace, tenendo traccia del loro intero percorso (da dove sono arrivati, quali e quante comunicazioni hanno ricevuto, ecc.);
  • valutare man mano quali sono i loro reali interessi e bisogni e quali strategie mettere in campo per rendere la comunicazione sempre più efficiente e raggiungere il tuo obiettivo;
  • “filtrare” i tuoi contatti, escludendo coloro che non sono in target con il tuo prodotto/servizio.

Costruire una relazione con i potenziali investitori

La scelta di investire in una campagna di crowdfunding non è quasi mai immediata, soprattutto se la persona che sta valutando la decisione non aveva mai sentito parlare prima della tua azienda.

Descrivere bene e accuratamente il proprio progetto sulla piattaforma dove si svolge il crowdfunding è importante, ma non sarà mai sufficiente: Il percorso per trasformare le persone potenzialmente interessate alla tua azienda in investitori è molto più complesso e richiede tempo, costanza e impegno. Bisogna costruire con loro una vera e propria relazione che, esattamente come accade nella vita quotidiana, va approfondita e alimentata giorno per giorno. Lo scopo è accrescere gradualmente l’interesse del tuo pubblico e la voglia di saperne sempre di più sul progetto.

La parte importante di questa relazione è l’invio di informazioni: il tuo pubblico di potenziali investitori ha bisogno di essere costantemente nutrito con dati approfonditi e completi sulla tua azienda e il tuo progetto. Puoi, ad esempio, produrre degli e-book, dei report o delle infografiche, organizzare dei webinar, creare delle newsletter settimanali di aggiornamento, ecc. 

L’obiettivo è fornire gradualmente al tuo pubblico tutte le informazioni necessarie per valutare l’opportunità di investire su di te, portandolo gradualmente dalla fase di considerazione a quella di conversione (l’adesione al crowdfunding).

Se vuoi saperne di più su come “vendere” al meglio la tua campagna, impostando un processo Sales efficace per la tua raccolta e alimentando la relazione con tuoi potenziali investitori, prenota una chiamata con noi!

Una Storia di Crowdfunding

Il primo romanzo italiano che racconta la storia di una campagna di crowdfunding.

Turbo Crowd Academy

Videocorsi dedicati al mondo del Crowdfunding.

Crowdfounders Italia

Accedi al gruppo privato Facebook

Iscriviti alla Newsletter

Le ultime novità che riguardano il mondo del Crowdfunding

Acquista il Libro

Turbo Crowd racconta "Una Storia di Crowdfunding"

Sfoglia altri articoli

Torna su