L’ecosistema dell’innovazione italiana

innovazione italiana

L’ecosistema dell’innovazione italiana si è evoluto in positivo negli ultimi dieci anni, ma registra ancora un forte ritardo rispetto agli altri Paesi europei.

Le startup e le scaleup in Italia possono contare su crowdfunding, venture capital e business angel come fonti di finanziamento privilegiate per l’innovazione. Il Regolamento UE sul crowdfunding sta aprendo l’ingresso in tutti i Paesi dei player degli altri Stati membri in ambito crowdfunding, mettendo in difficoltà i player nostrani ma allo stesso tempo dando una spinta all’innovazione con più possibilità di finanziamento. Anche il numero dei fondi di venture capital negli ultimi dieci anni è cresciuto esponenzialmente, con grande vantaggio per le startup.

Dal 2012 al 2020 i finanziamenti in equity a startup e scaleup in Italia sono aumentati ma lentamente, poi nel 2020 c’è stato un salto, anzi un vero e proprio raddoppio: è stato raggiunto un nuovo livello di maturità dell’ecosistema.

Nel mercato è entrato inoltre un nuovo abilitatore fondamentale: il venture capital di Cassa Depositi e Prestiti, che, tra le altre cose, sta facendo da apripista per l’utilizzo del contratto di tipo S.A.F.E e sta finanziando altri fondi di venture capital.

Rispetto ai principali competitor europei siamo comunque indietro: nell’ultimo anno gli investimenti dei fondi di venture capital sono stati di 2 miliardi a fronte dei 13 della Francia.

Uno dei principali fattori che possono portare all’evoluzione dell’ecosistema dell’innovazione italiano è l’aumento dei tagli di investimento nelle prime fasi di sviluppo delle startup. Il mercato italiano, infatti, è troppo piccolo e ha un costo di acquisizione cliente troppo alto per le startup: per scalare bisogna avere subito una mentalità internazionale, ma affinché le startup italiane riescano a competere nei confronti delle omologhe degli altri Paesi, hanno bisogno di tagli di investimento più alti nelle prime fasi (seed e pre-seed).

I nostri fondi hanno meno risorse degli altri Paesi, perciò è meglio concentrarle nelle prime fasi, per garantire alle startup un lancio competitivo oltre i confini e il successivo ingresso di capitali stranieri.

Punti che saranno toccati durante il webinar:
1. I cambiamenti nella filiera dell’innovazione italiana negli ultimi 10 anni (mondo startup/PMI innovative, centri di innovazione, incubatori…)
2. Chi è Innovup e come opera
3. Il contributo di Innovup per rafforzare e promuovere il sistema dell’imprenditorialità innovativa italiana
4. Quali evoluzioni dobbiamo aspettarci nel mondo dell’innovazione italiana ed europea?

GLI ARGOMENTI DEL WEBINAR

0:00 Introduzione

13:50 Potenziali futuri sviluppi della filiera dell’innovazione

19:00 Il venture capital di Cassa Depositi e Prestiti

25:18 La maturità dell’ecosistema dell’innovazione italiana dal punto di vista di incubatori e acceleratori

28:00 Una possibile evoluzione dell’ecosistema dell’innovazione italiana: aumento dei tagli dell’investimento

32:05 Come attirare investimenti e competenze stranieri su società italiane?

40:45 L’importanza di porre l’innovazione al centro dell’agenda politica

RELATORI

Claudio Grimoldi, Founder di Turbo Crowd

Giorgio Cironi, Direttore di Innovup

Una Storia di Crowdfunding

Il primo romanzo italiano che racconta la storia di una campagna di crowdfunding.

Turbo Crowd Academy

Videocorsi dedicati al mondo del Crowdfunding.

Crowdfounders Italia

Accedi al gruppo privato Facebook

Iscriviti alla Newsletter

Le ultime novità che riguardano il mondo del Crowdfunding

Acquista il Libro

Turbo Crowd racconta "Una Storia di Crowdfunding"

Articoli Correlati

Il mondo della tokenizzazione: regole e opportunità

Il 9 giugno 2023 è stato pubblicato in gazzetta il regolamento europeo MiCA sui criptoasset, che entrerà in vigore nel 2024 e segna un’importante evoluzione: dopo aver disciplinato le criptovalute, ora è il momento dei criptoasset e delle nuove opportunità che la tokenizzazione degli asset porta con sé.

Leggi di più