Account based marketing per la raccolta di capitali

account based marketing

L’Account Based Marketing è una strategia di marketing e vendita B2B alternativa al classico acquisto di spazi pubblicitari online e offline, che permette di aggirare gli elevati costi pubblicitari e di raggiungere un target accuratamente selezionato sulla base delle proprie esigenze.

L’Account Based Marketing per la raccolta di capitali è uno strumento utile per la ricerca di investitori, ma è una strategia che si può implementare anche per la ricerca di clienti con cui entrare direttamente in contatto per offrire il proprio prodotto o servizio: una volta acquisita la tecnica, diventa una risorsa in più per tutte le attività dell’azienda.

Come sempre, non c’è nessuna formula magica: l’ABM non è facile, né veloce, né gratis. Esattamente come il crowdfunding. E proprio come quest’ultimo, regala grandi soddisfazioni e richiede una collaborazione serrata tra reparto marketing e reparto sales. Vediamo come.

Account Based Marketing: cos’è e come funziona

La chiave dell’Account Based Marketing è il capovolgimento del funnel convenzionale di marketing e sales: il marketing tradizionale si rivolge a un pubblico ampio per creare brand awareness, stimolare l’interazione degli utenti interessati, entrare in contatto con questi ultimi e infine condurre ciascuno di essi all’acquisto; al contrario l’ABM identifica un profilo-cliente ideale e avvia una ricerca di tutti e solo gli utenti che corrispondono a quelle caratteristiche e di cui quindi è necessario raccogliere i dati di contatto per poter mandare comunicazioni di marketing mirate a ciascuno e trasformarli in clienti (o investitori!).

Questo rovesciamento permette di allocare il budget marketing in modo più efficiente, di offrire contenuti più utili e personalizzati agli interlocutori, di raggiungere questi ultimi direttamente sui canali dove sono più attivi, di controllare maggiormente il rapporto con loro e di accorciare il processo di vendita. Il concetto è “pochi ma buoni”.

L’Account Based Marketing non è gratis perché sposta il budget dal costo di acquisto di spazi pubblicitari online e offline al costo di segmentazione del pubblico, di costruzione di contenuti ad hoc e di contatto con ogni singolo interessato. La spesa, però, risulta più contenuta ed efficiente, se le operazioni vengono svolte correttamente.

Primo step: definire il target

Il primo step di un’operazione di Account Based Marketing è la definizione del profilo del cliente ideale da raggiungere. Questo dipende non solo dal tipo di azienda e di prodotto/servizio offerto, ma anche dall’obiettivo dell’operazione: la semplice acquisizione di nuovi clienti, l’aumento del tasso e/o della velocità di conversione, l’aumento del valore di ogni conversione, la vendita di nuovi prodotti/servizi agli attuali clienti, la ricerca di investitori sono tutti obiettivi che possono richiedere un profilo di interlocutore leggermente o molto diverso. Per esempio una società con più o meno capacità di spesa, con un team più o meno ampio, con un giro d’affari più o meno esteso, con interessi più o meno sovrapposti a quelli della propria azienda ecc.

La prima cosa da fare, quindi, è stabilire i propri obiettivi e sulla base di questi stabilire i requisiti fondamentali che il proprio target deve avere. Tali requisiti vanno poi innestati sui dati di marketing e vendita di cui si è già in possesso: le caratteristiche dei clienti e potenziali tali sono la base per il profilo ideale di qualsiasi obiettivo di ABM. 

A partire da queste informazioni che offrono un primo scheletro di identikit, è fondamentale effettuare una segmentazione accurata. Esistono anche software che aiutano a costruire e organizzare database appositi per svolgere questa attività più facilmente, per esempio raccogliendo i dati delle ricerche sui motori di ricerca affini al tuo prodotto/servizio, i dati delle visite al sito web aziendale ecc. 

Alcune delle domande a cui è utile rispondere sull’utente target sono:

  • di cosa ha più bisogno?
  • dove è più presente online?
  • quali contenuti apprezza?
  • come si posiziona sul mercato?
  • in cosa investe maggiormente?
  • quali sono i suoi fornitori?
  • ecc.

L’identikit finale che si ottiene deve essere sì accurato, ma non troppo stringente, né tanto meno troppo generico.

Vuoi approfondire direttamente con i nostri esperti di crowdfunding l’argomento di cui stai leggendo?

Turbo Crowd può rivelarti tutti i trucchi del mestiere del crowdfunding, illustrarti le opportunità di raccolta di capitali a tua disposizione e fornirti supporto pratico per realizzare una campagna di crowdfunding di successo.

Secondo step: Sourcing

Per “Sourcing” si intende la ricerca dei dati di contatto di utenti che corrispondano ai profili individuati nella prima fase. Esistono diverse modalità per trovarli:

  • acquisto da database che raccolgono i dati delle aziende e delle persone che vi lavorano (es. Atoka
  • uso di Email finder (es. Findthatlead) che estraggono contatti email dai siti web, da Google Maps o dai profili LinkedIn
  • uso dei tool appositi di LinkedIn premium (es. Sales Navigator).

Un’attività complementare a questa ricerca è il cosiddetto “data enrichment”, ovvero l’arricchimento dei dati. Non è uno step obbligatorio, ma è molto utile per rendere ancora più efficienti le successive comunicazioni: ottenuti i contatti necessari, vanno organizzati in un database dove inserire più informazioni possibili sull’azienda di riferimento e sul singolo contatto, in modo da poter personalizzare al massimo l’approccio di marketing per ciascuno (ed evitare brutte figure).

Terzo step: il contatto

L’ultimo step fondamentale dell’Account Based Marketing è utilizzare i contatti raccolti per avviare un rapporto con i nuovi potenziali clienti o investitori. Per rendere la comunicazione davvero efficace, è necessaria una robusta fase preliminare di preparazione dei contenuti e della strategia: per ogni contatto vanno preparati contenuti personalizzati (in tutto o in parte) e scelti i canali di comunicazione più adeguati.

Bisogna tenere a mente che stiamo facendo una comunicazione a freddo, verso persone che possono anche non aver mai sentito parlare della nostra azienda e non hanno dato il consenso a ricevere messaggi. Una comunicazione di questo tipo deve avere tre caratteristiche imprescindibili:

  • essere personale e naturale, non risultare standard o automatizzata, ma allo stesso tempo professionale e rispettosa;
  • veicolare messaggi chiari e completi di tutte le informazioni utili, nonché le indicazioni per gli step successivi di interazione verso cui si vuole indirizzare l’interlocutore, ma non prolissi;
  • fornire contenuti davvero utili per gli interlocutori, per attenuare il fastidio del contatto inaspettato e favorire l’apertura al dialogo.

Questo significa non adottare immediatamente un approccio commerciale e aggressivo, non fare spam, stimolare risposte e azioni con CTA (call to action) chiare. 

L’obiettivo è dimostrare all’interlocutore quanto il prodotto/servizio offerto può essergli utile per risolvere un suo problema, offrirgli contenuti e materiale gratuito a sostegno di tale dimostrazione e infine condurlo all’acquisto o all’investimento nella campagna di crowdfunding. 

I mezzi di contatto possono essere diversi:

  • email
  • LinkedIn
  • materiale cartaceo spedito per posta
  • telefonata (da evitare a freddo, ma utilizzabile per il ricontatto dopo un primo approccio con altri mezzi).

Come usare l’Account Based Marketing per una raccolta di capitali

Per la raccolta di capitali in crowdfunding è piuttosto facile delineare il profilo ideale per l’Account Based Marketing, poiché sappiamo che i migliori investitori di un’azienda sono proprio i suoi clienti e potenziali tali. A questo si può aggiungere che anche altri stakeholder, per esempio i fornitori, potrebbero essere interessati a investire nella società, magari con formule di work for equity, e questo permette di individuare altri profili target, che andranno poi raffinati secondo le indicazioni di cui sopra e con un livello di dettaglio che dipende dalle esigenze di partenza.

Nella preparazione della fase di contatto, poi, è utile ideare (oltre al resto del materiale) un prodotto di frontend (ne abbiamo parlato qui) come “esca” per ottenere l’interesse verso la campagna di crowdfunding (e un nuovo cliente) e dei reward coerenti con i bisogni degli utenti come gratificazione immediata e quindi stimolo all’investimento. Il percorso deve essere particolarmente graduale, per guadagnare la fiducia dei potenziali investitori a poco a poco: inizialmente bisogna dare loro molto (contenuti e materiali gratuiti) e chiedere poco (per esempio una semplice risposta a una email), per poi invitare a compiere azioni sempre più “impegnative” (per esempio la partecipazione a un webinar, la compilazione di un sondaggio), per coinvolgerli pian piano in un rapporto solido fino al punto da poter avanzare proposte commerciali.

Turbo Crowd, come agenzia marketing per il crowdfunding, fornisce supporto anche per la costruzione di operazioni di Account Based Marketing finalizzate alla raccolta di capitali!

Hai bisogno di supporto per preparare una campagna di crowdfunding di successo e cercare potenziali investitori per il tuo progetto?

Turbo Crowd può accompagnarti lungo tutto il processo, dall’organizzazione del precrowd fino alla chiusura della raccolta, sviluppando strategie di marketing efficaci e innovative per promuovere nel miglior modo possibile la tua campagna.

Una Storia di Crowdfunding

Il primo romanzo italiano che racconta la storia di una campagna di crowdfunding.

Turbo Crowd Academy

Videocorsi dedicati al mondo del Crowdfunding.

Crowdfounders Italia

Accedi al gruppo privato Facebook

Iscriviti alla Newsletter

Le ultime novità che riguardano il mondo del Crowdfunding

Acquista il Libro

Turbo Crowd racconta "Una Storia di Crowdfunding"

Articoli Correlati

Il mondo della tokenizzazione: regole e opportunità

Il 9 giugno 2023 è stato pubblicato in gazzetta il regolamento europeo MiCA sui criptoasset, che entrerà in vigore nel 2024 e segna un’importante evoluzione: dopo aver disciplinato le criptovalute, ora è il momento dei criptoasset e delle nuove opportunità che la tokenizzazione degli asset porta con sé.

Leggi di più